martedì, gennaio 15, 2008

Frau Stronzmann

Purtroppo nella vita ogni tanto si viene a contatto con materializzazioni subumane dello spirito della stronzaggine. Oggi ne abbiamo incontrata una.
Come auspicio per il 2008 vi auguro un'assenza di tali incontri.
La serata ci vedrà impegnati nelle ripulitura delle nostre tute coprofughe.

22 commenti:

ubik ha detto...

Dove si vendono ste tute. Ogni tanto potrebbero servire.
Salut

dioniso ha detto...

Non è semplice trovarle e si rompono pure facilmente.

Eva kant ha detto...

ne avrei bisogno anch'io...è un prioduccio
un abbraccione

ubik ha detto...

ecco, diteci dov'è il magazzino che le quantità saranno industriali...

ziomassimo ha detto...

Forse a volte, c’è proprio bisogno di sporcarsi, per poter comprendere meglio…

Volevo alzare un altro polverone:
ma ne vogliamo parlare della visita annullata del “pastore tedesco” all’Università di Roma?
Io penso che sia stato quantomeno inopportuno voler fare inaugurare l’anno accademico di una Università Statale a Papa Benedetto XVI ; del tutto diverso sarebbe stato invitare il Professor J. Ratzinger a tenere una conferenza presso l’Università, come, tra l’altro, già successo in passato. Tuttavia l’intera vicenda è cominciata male e finita peggio, alla fine ne escono tutti male. Probabilmente chi ne esce meglio, paradossalmente è proprio Papa Ratzinger.

dioniso ha detto...

ubik, eva, chissà se si trovano in rete? Potrebbe essre un'idea per organizzarne un commercio su grossa scala: www.tutecoprofughe.as

Ieri abbiamo ripulito un po' le nostre ma oggi ci toccherà indossarle di nuovo.

ziomassimo, mah! sarà cosi!?
Per quanto riguarda il “pastore tedesco” sono d'accordo con la tua concisa riflessione.

ubik ha detto...

Sottoscrivo le cose dette da ziomassimo. Il discorso, breve coinciso ed esaustivo di pagine e pagine di editoriali e commenti.

@Dioniso: ma chi vi lancia tutta sta robaccia? E per quanto tempo vi toccherà indossare le tute?

dioniso ha detto...

No stasera si gioca in casa di "amici". Ma a volte anche lì si possono prendere delle inconsapevoli palate.

Le legnate vere però le abbiamo prese ieri.

dioniso ha detto...

Fortunatamente niente schiaffoni involontari stasera in casa di amici, ma solo coccole, baci e abbracci.
Le tute sono linde.

ubik ha detto...

Allora ce le prestate per il 22 perchè saremo a Napoli e mi sa che lì servono in tutti i sensi. Capita a' metafa

dioniso ha detto...

Non è che poi ci finiscono in qualche falò?!
Vabbé ve le prestiamo, basta però che ce le ripuliate... e state attenti a non mandarci le briciole di sfugliatelle! ;-)

ziomassimo ha detto...

Francamente mi sfugge il senso di come sia possibile lanciare palate di merda (e scusate "a metafa")in modo inconsapevole ed involontario e per giunta da parte di amici.

dioniso ha detto...

ziomassimo, palate forse no, ma può succedere di beccarsi qualche involontaria (o meno) sberla anche da chi ci vuole bene.

Comunque tutti quelli a cui abbiamo raccontato la storia di martedì ci ascoltavano tra l'incredulo, l'addolorato e a volte anche il divertito, visto che il livello di assurdità di questa storia la rende anche adatta, usando molto senso dell'umorismo e dell'astrazione, ad una ricontestualizzazione in chiave comica.

ziomassimo ha detto...

Sono convinto che si può (e a volte si deve) ridere di tutto.
Ma a questo punto sarei curioso di conoscerla anch'io questa storia...

ziomassimo ha detto...

Scusa l'invadenza, ma chiaramente solo se la ritieni riferibile. Non vorrei essere inopportuno.

dioniso ha detto...

A dir la verità è un po' personale.
Preferirei lasciarvi esercitare l'immaginazione.
Immaginate una storia che riguarda aspetti personali molto delicati e che viene affrontata dalla controparte con un cinismo, una freddezza, una stupidità, un'irremovibilità, una pregiudizialità, una disumanità, una illogicità, insomma una stronzaggine senza limiti.

ziomassimo ha detto...

capisco...

dioniso ha detto...

Il desiderio di rivalsa è forte.
Inizialmente Zucchero ed io pensavamo di contattare er Canaro ;-)
Poi ripensandoci abbiamo pensato di esprimere il nostro dissenso e disagio scrivendo una lettera alla capa della Stronzmann e alla stessa esponendo tutta la dolorosa vicenda.
Ogni volta che metto mano alla stesura di quella lettera sprizzo bile da tutti i pori e il polso mi schizza alle stelle... forse dovrei scriverla sotto sedativi ;-)

La cosa interessante è che sentendo altre tre parti del settore (una delle quali era esattamente equivalente alla Stronzmann) ed esponendogli il nostro progetto nessuna delle tre ha espresso la minima obiezione relativa al dettaglio preso come pretesto dalla Stronzmann per dar sfogo alle sue idee razziste di donna repressa, spregevole, infame e meschina.

ubik ha detto...

Giù botte.
Però non c'ho capito niente. M'accontento.

ziomassimo ha detto...

idem, come ubik...
daje 'na capocciata!

Stregazelda ha detto...

dioniso,
non c'ho capito niente nemmeno io però m'accontento della tua spiegazione, anche perché si tratta di cose personali. E quando ce vò ce vò!
Un abbraccio

dioniso ha detto...

Grazie stregazelda. Nel dubbio che la capa sia fatta della stessa pasta del Stronzmann penso che manderemo la lettera anche al suo responsabile che potrebbe essere il sindaco.