mercoledì, gennaio 23, 2008

Facciamo finta che... Tutto va ben, Tutto va ben!

Facciamo finta che...
Tutto va ben, Tutto va ben
Facciamo finta che...
Tutto va ben

Che il cielo sia costantemente azzurro
Che il sole splenda sempre allegramente
Che tutto quanto sia sempre sereno
Ruscelli prati verdi... e arcobalenoooo

Facciamo finta che...
Tutto va ben, Tutto va ben
Facciamo finta che...
Tutto va ben

Che il povero sia in fondo un gran signore
Che il servo sia assai meglio del padroneeee
Che le persone anziane sian benone
Che i giovani abbian sempre... un'occasione

Facciamo finta che...
Tutto va ben, Tutto va ben
Facciamo finta che...
Tutto va ben

Tutto va ben
Tutto va ben
C'è la salute
Tutto va ben
Siam tutti amici
Tutto va ben
Siamo feliciii

(TUTTI IN CORO RIPETETE)

Facciamo finta che...
Tutto va ben, Tutto va ben
Facciamo finta che...
Tutto va beeeeen

53 commenti:

melusina76 ha detto...

Che tristezza in questo post... che accade dioniso? :-(

ziomassimo ha detto...

Che mi hai ricordato! Questa canzone la cantava spesso mio padre...

dioniso ha detto...

Melusina, mah! sono momenti che passano. Tra mazzate e schiaffoni vari capita di sentirsi così.
Mi è venuto in mente che il mio post potrebbe avere due chiavi di lettura ed essere anche riferito all'attuale situazione politica italiana.
Io ho appena mandato un messaggio al Presidente del Consiglio per esprimergli il mio sostegno.

Egregio signor Presidente,

vorrei esprimerLe il mio sostegno in questo momento difficile per il paese.
Penso che il Suo governo sia riuscito a lavorare per il bene del paese nonostante le oggettive difficoltà.
Spero che riesca a trovare sufficienti voti in parlamento per poter continuare a lavorare.

Cordiali Saluti,

ziomassimo, mi ricordo che un altro dei cavalli di battaglia era "La Svizzera"

ziomassimo ha detto...

Penso che non manderò un messaggio a Prodi, perché pur condividendo la prima parte del tuo messaggio, io non spero che riesca a trovare sufficienti voti in parlamento per poter continuare a lavorare. L’unica cosa che spero è che la sinistra, se ancora ne esiste una in Italia, si ritrovi e torni a compattarsi. Questo governo è finito, di più non poteva proprio fare e soprattutto l’Unione è finita. Non ci resta che confidare negli italiani e sforzarsi di tornare a votare, malgrado la legge elettorale porcata. Sempre meglio una opposizione dignitosa che un governo di compromessi…

Anonimo ha detto...

dionisino, anch'io l'ho mandato. piu' o meno uguale al tuo... scoramento!

dioniso ha detto...

ziomassimo, bisogna confidare negli italiani dici tu? Mah, speriamo che gli sviluppi non siano così negativi. Io temo fortemente un ritorno del nano pelato.
Ma magari hai ragione tu, me lo auguro! Magari si riuscirà a ricompattarsi e a far affermare il PD e la Cosa Rossa e tornare vincitori senza clemenza.... o senza clemente? ;-)

anonimo, non me ne parlare!

ziomassimo ha detto...

Si, speriamo bene...speriamo anche che Uolter non si lasci prendere troppo la mano da deliri d'onnipotenza e faccia invece e una buona volta, "qualcosa di sinistra".

cleo ha detto...

ciao dionisoo,
ti passo a trovare dopo tanto tempo. A "ziomassimo": all'epoca in cui cadde il primo governo Prodi e poi d'Alema la pensavo come te.
Adesso sono un po' piu' pessimista, e ho paura che non solo ci beccheremo il nano malefiko per 5 anni, e stavolta non so se l'italia ce la fara'.
vado a ubriacarmi

dioniso ha detto...

Ciao cleo, bentornata!
Prodi gnaa fatta eh!?
Ora si vocifera di un governo di transizione guidato da Mastella con Cossiga agli interni e Andreotti alla giustizia.
Buona notte

Gianlu ha detto...

Ciao Dionisio,
da un po' ti leggo ma stasera in preda alla tristezza estrema ho deciso di partecipare
Quindi alla giustizia vedrei meglio previti ed agli interni dell'Utri poi la roscia del partito del popolo e delle libertà alle pari opportunità
Poi vediamo...alla sanità vedrei bene Storace che tanto bene ha fatto a ROma e All'ambiente Pecoraro Scanio che tanto bene ha fatto all'opposizione oppure meglio Bassolino...anche lui.
Mi manca qualcuno per gli esteri...Qualche suggerimento?

gianlu ha detto...

Ah dimenticavo....ma là in Germania non c'è un po' di posto?
Grazie

Stregazelda ha detto...

dioniso,
condivido in pieno il tuo sentimento. Lo so che questo governo ormai non era più in grado di lavorare, ma non riesco a confidare molto negli italiani e temo che il nano ci tormenterà ancora a lungo. Come se non bastasse la chiesa imperversa con i suoi diktat. Un paese depresso e deprimente.

ubik ha detto...

Mi dispiace, ma sarò caustico.
La sinistra non sa governare. Impari e stia zitta.
Di una dignitosa opposizione me ne sbatto perché le leggi devono essere fatti se si ha una visione e in quarant'anni di opposizione ci siamo sorbiti il peggio (noi siamo quelli che pagano ancora quelle conseguenze lì).
Lascerei perdere le "cose rosse": mai fidarsi di quelli lì; in due anni mi hanno fracassato i cosiddetti con tutta la munnezza ideologica che ancora si portano dietro.
Il PD spero impari la lezione, che si rimbocchi le maniche, imponga il dibattito invece di farselo imporre come nel caso della moratoria sull'aborto, sui DICO, il rapporto chiesa-stato.
Non è la chiesa o Ferrara il problema, ma il vuoto che questi occupano; se si è afasici non si può accusare gli altri di sapere come farsi sentire. Che imparino e che siano spregiudicati.
Ma è tutto tempo perso. Intanto -per ora- il mio orientamento è di non andare a votare. Che torni Berlusconi mi importa poco. L'abbiamo voluto noi di sinistra. La colpa è nostra e solo nostra.
Voglio Mastella Presidente del Consiglio!!!!!!!

ubik ha detto...

Buone Notizie: torna DIARIO.
http://shop.picomax.it/gw/home/

dioniso ha detto...

Gianlu, prego, sei il benvenuto!
Forse hai ragione tu. Io ero rimasto ancorato ai nomi della I Repubblica, ma effettivamente ci vuole un po' di svecchiamento. Largo ai giovani!
Agli esteri, vediamo ... forse Calderoli? Credo che la sua vocazione internazionalista lo renda particolarmente adatto a questo ruolo.

Qui in Germania forse c'è pure posto. Ma i pesci in faccia li lanciano pure qui.

Stregazelda, forse ha ragione la nostra amica/insegnante di tedesco, che ieri ci ha detto: in questo periodo sono tutti depressi. Ci sarà qualcosa nell'aria?

ubik, sono d'accordo su quasi tutto. Una cosa che non condivido è orientamento all'astensione. Sei sicuro che il fatto che torni Berlusconi non ti tangerà?

ziomassimo ha detto...

Caro Ubik, se la sinistra sappia o non sappia governare, non lo possiamo sapere, in quanto in Italia la sinistra non ha mai governato. Non vedo proprio quali responsabilità si possono addossare attualmente alla cosiddetta cosarossa, l’idealismo per me è ancora un valore, di certo non monnezza. Sono state proprio le ideologie a spingere a suo tempo gli italiani a lottare per costruire un paese democratico e per difendere i diritti di tutti. Mi sembra che chi ha creato i guai maggiori a questo governo sia il sedicente centro moderato e non certo la sinistra radicale, comprese certe dichiarazioni di Uòlter sul PD (oramai anch’esso ridotto ad un partito di centro) che correrebbe da solo in una possibile tornata elettorale. E’ di questi signori che non ci si può fidare, di chi, tra le altre cose, diceva che si sarebbe ritirato in Africa a fare il missionario laico. Quindi l’eventuale ritorno del signor B. l’ha voluto il centro e non la sinistra e ricorda che chi non partecipa al gioco, non ha poi il diritto di contestarne le regole.

Per il ministero degli esteri proporrei Calderoli…

sugar cane ha detto...

@ziomassimo: in questo caso non sono d'accordo con te. Semplificando al massimo: troppo facile fare una dignitosa opposizione. Governare significa assumersi delle responsibilità, a volte forse impopolari anche se necessarie.
Sicuramente è più facile andare in piazza a scandire facili slogan.
Vanno bene gli ideali ma quegli ideali continueranno a restare nelle piazze circondate da belle bandiere quando Berlusconi e la sua armata torneranno a palazzo Chigi.

ubik ha detto...

sottoscrivo quanto scrive sugar cane. Con le marce, le manifestazioni, le opposizioni la mia vita non migliora. Solo se qualcuno si prende la briga di governare allora qualche ricaduta positiva l'avremo sulle nostre vite.

@ziomassimo: prima di tutto colgo l'occasione per farti i complimenti per i tuoi commenti che leggo sempre volentieri e che ogni volta che accedo al blogghetto spero di trovare :-)
poi quello che penso è in parte scritto sopra e però aggiungo che la cosa rossa ha sempre messo paletti alle missioni in Afghanistan; sui DICO; sulla TAV; sulle liberalizzazioni; su Vicenza; contro Cofferati; contro Veltroni; sulla legge 30. Sulle singole questioni si può discutere e va bene, però non puoi andare al governo e pensare che le tue proposte diventano dirimenti per la vita del governo. Insomma forze che hanno preso il 10/11 % non possono fracassare a chi invece ne ha presi 3 volte tanto. Insomma per loro era un no a tutto.

@dioniso: Berlusconi non mi tange per il semplice motivo che 2 anni di governo Prodi non è che abbia migliorato la mia vita. L'ISTAT certifica che 1 famiglia su 2 vive con meno di 1800 euri (indovina a quale metà appartengo?) e misure serie Prodi non ne ha fatte. I rifognaroli hanno solo pensato di aumentare la spesa pubblica con l'aumento agli statali (che spero si estinguino)mentre tutto il resto deve vedersela da sola. Quindi se torna Berlusconi continuerò a farmi i conti come ora. E poi niente legge sul conflitto di interessi e leggi ad personam non cancellate (tranne il falso in bilancio)...alla fine non cambia niente. Un pò di incazzatura, ma almeno faremo ridere il mondo.

dioniso ha detto...

Io continuo a non pensare che alla fine è sempre uguale (traduzione in autobussese: tanto è tutto un magna magna) e quindi voterò. Però se tu la penso così fai bene a non votare.
Ti vorrei chiedere solo un po' più di rispetto verso gli altri.
Mio padre era uno statale e guadagnava come un operaio e ti assicuro che si faceva un culo così.
Mi pare anche un po' irrispettoso riferirti a RC sempre come rifognaroli. Anche tu hai votato RC. Non ti comportare come alcuni emigranti la cui rinnegazione radicalmente della propria identità li porta a comportarsi da razzisti.

ubik ha detto...

Sai mentre Stalin massacrava milioni di persone, qui in Italia c'erano tante brave persone che erano comuniste. Il rispetto per le persone non manca se uno critica ferocemente un sistema, mettiamo quello comunista. Vale in scla molto minore per gli statali: ho avuto l'occasione di conoscere tuo padre e penso chesi a un'ottima persona e anzi mi e' molto simpatico e spero di rincontrarlo presto. Pero' quando i sindacati si battono per l'aumento dello stipendio agli statali, solo perche' hanno forza ricattatoria per numero di iscritti, un poco mi incazzo, anche perche' a noi le tasse (siamo vicino al 49%) non possono calare perche' la spesa pubblica e' un elefante che non produce quasi niente.
I rifognaroli continuero' a chiamarli tali almeno fino a quando non aboliranno falce, martello e stella (Cche viene dritta dalla Terza Internazionale: molto molot dittatoriale) e poi finche' difenderanno Cuba, saranno ambigui sulla Corea, e su Israele, fino a quando difenderanno noglobal sfascia vetrine e finche' non saranno autenticamente nonviolenti come professano e ambiscono di essere allora per me sempre rifognaroli restano. Mi dispiace, ma sono un anticomunista di sinistra (Orwell, Koestler, Silone, Salamov, Camus...e ne potrei aggiungere e tanto per dire che si puo' essere a sinistra e anticomunisti).
Baci e abbracci, compagni!!!!

dioniso ha detto...

a ubbike, fa 'n po' come te pare!
Io penso che quando si scrive in pubblico un po' più di rispetto e considerazione per gli altri non guastino. Non è offendendo gli altri (che magari non c'entrano assolutamente nulla) che si riparano i crimini di Stalin, o che si riconducono i sindacati ad un comportamento più ragionevole.

ziomassimo ha detto...

Ringrazio ubik per le belle parole e contraccambio.

Solamente con le marce, le manifestazioni e le opposizioni, neanche la mia vita non migliora. Ma di certo sarebbe peggiore se non ci fossero.

In effetti qualcuno se l’era presa la briga e la responsabilità di governare, ma evidentemente sbagliando gli alleati. Le affermazioni riguardo la sinistra radicale, mi fanno meglio comprendere le dichiarazioni di Uòlter: il PD vuole correre da solo perché probabilmente non vuole il confronto, in questa coalizione non si vorrebbe consentire il dissenso né accettare la discussione. Con questi presupposti si ricomincerebbe davvero molto male. Inoltre, associandomi in questo a dioniso, penso che quel 10/11% di elettori italiani, i lavoratori statali e i sindacati (io sono stato delegato sindacale CGIL-NIdiL per quattro anni, mia moglie è una dipendente della Procura di Roma e simpatizzante del sindacato RdB) meritino il dovuto rispetto.

Lo so che è dura e lo sconforto e l’amarezza in questo momento prendono il sopravvento, ma vale la pena fare uno sforzo e tanto più ora cercare di non ridursi a pensare “alla fine non cambia niente”…

un rifognarolo

melusina76 ha detto...

Io non so voi, ma per me non esiste più politica nè di destra nè di sisnistra. Esiste la politica degli italiani, ottimamente definita "er magna-magna" in autobussese. Le riforme politiche, elettorali, sociali ecc. sono solo un pretesto per discutere e vedere chi ha l'ultima parola, il più "forte".
Del bene dell'Italia e degli italiani non liene frega proprio niente a nessun politico.

Non va cambiata solo la sinistra o solo la destra, va cambiata tutta la classe politica!
Grillo è estremo, ma non ha tutti i torti...

ubikke ha detto...

vabbè i rifognaroli non li definirò tali su qesto blog. Saranno defniti semplicemente R.
Mi sembra un buon compromesso.

Anonimo ha detto...

se vi capita, ascoltate l'intervento di ieri di Anna Finocchiaro al senato. A me e' servito, nello sconforto generale, a farmi sentire meno sola. So che sembra una frase da adolescente, pero' sia lo spettacolo politico, ma anche della societa' italiana e' cosi' desolante che ti prende lo sconforto... poi pero' senti che ci sono ancora persone che ti rappresentano, e questo se non risolve, aiuta...

bacioni dionisino e W michael forever...

ziomassimo ha detto...

Ubik, accetto il compromesso :-)
Anonimo ti capisco. Io quando incontrai l’On. Massimo Brutti sulla metropolitana di Roma, volevo baciarlo sulla bocca! Solo il fatto di vederlo lì, a fianco a me, sulla metro come tutti i comuni mortali, mi ha dato fiducia e mi ha rimesso in pace con il mondo.

Avverto una eccessiva disperazione ed un celato qualunquismo tra i frequentatori di questo blog. Qualche anno fa mio padre, a 70 anni suonati, all’uscita di uno stato di coma, come prima cosa mi chiese i risultati delle elezioni, mi disse “…ce l’abbiamo fatta?”

"E poi ti dicono -Tutti sono uguali,
tutti rubano alla stessa maniera-.
Ma è solo un modo per convincerti
a restare chiuso dentro casa quando viene la sera.

Però la storia non si ferma davvero davanti a un portone,
la storia entra dentro le stanze, le brucia,
la storia dà torto e dà ragione.”

Anonimo ha detto...

ziomassimo, sono l'anonima di sopra.

Vorrei avere anch'io tanto ottimismo. Invece penso sempre di piu' che questa classe politica cosi' decadente sia un riflesso della societa' italiana. E questo mi mette scoramento...

Sebastiano ha detto...

Anonima, sono d'accordo; la societa' italiana va cambiata; finora Silvio e compagnia (con un grande aiuto dal centro-sinistra) lo hanno fatto in peggio. Bisognera' darsi da fare per cambiare in meglio. Anche se non so bene come!

Devo dire che mi consola il fatto che alle prossime elezioni non dovrò votare per una coalizione della quale faccia parte Mastella. Alle elezioni scorse questo fatto mi aveva dato un certo fastidio (premonitore).

Gianlu ha detto...

Dionisio, ma perchè dici che i pesci in faccia li tirano anche li?
Non voglio sapere i cavoli tuoi ma solo avere qualche consiglio.
Mia moglie è tedesca e stiamo pensando di venire a vivere là.
Io mi sono proprio stufato di vivere in questo cavolo di paese.
Alcune cose forse qualunquiste ma mi capitano tutti i giorni.
Se hai figli qua è un inferno.
Vai a mangiare una pizza e non ci sono i seggioloni.
Se li vuoi cambiare fuori non sai dove farlo perchè è tutto sporco
La scuola pubblica per i piccoli è una lotteria e se la perdi sono almeno 350 € per figlio. Sto un'ora e mezza in macchina per fare 16 km. Sono 10 anni che nel mio quartiere devono costruire una strada per migliorare il traffico. Vivo a Roma e Veltroni mi piace, ma molte cose proprio non vanno.
Sulla politica ieri sera scherzavo, oggi ti dico che mi sono un po' rotto di votare contro il nano malefico. Mi turo il naso, come Montanelii ma dall'altra parte.
Sui dipendenti pubblici, mia mamma era un dipendente pubblico ed io sto lavorando come consulente esterno nell'azienda dove lavorava lei. Ti dico, è uno schifo. Nessuna meritocrazia, raccomandazioni a gogo e sperpero totale di denaro. Giochi politici all'ordine del giorno. Ipocrisia.
Ci sono anche persone brave ma vengono messe da parte.
In generale in questo paese non c'è rispetto per l'altro, c'è tanta cultura della furbizia e poca
trasparenza.
Io mi impegno a farccrescere i miei bambini bene. Cerco di insegnarli il rispetto per gli altri, la tolleranza, e spero avranno una buona vita, ma ogni giorno vedo che ci sono sempre minori speranze....
Che ci rimane? il Sole il Mare, la bellezza della nostra terra il cibo.
Qualcos'altro?

dioniso ha detto...

Caro Gianlu,
devi considerare che la mia opinione su questo paese è al momento parzialmente influenzata dal doloroso e discriminatorio evento capitatoci la scorsa settimana con la Frau Stronzmann.
Considera anche però che viviamo in questa città da 8 anni e per molti aspetti ci troviamo molto bene. Altro fatto da considerare è che questa città rappresenta una realtà di eccellenza anche all'interno del contesto tedesco, e quando ti parlo di "Germania" mi riferisco soprattutto alla mia esperienza in questa città.
Date queste premesse ti posso dire che per quanto riguarda gli aspetti che citi tu, qui la situazione è migliore. Quasi tutti i luoghi pubblici sono attrezzati per fornire tutti gli accessori necessari a famiglie con bimbi. La situazione con gli asili invece è peggio che in Italia: sono tutti privati, ce ne sono pochissimi e sono cari. Considera che le coppie si prenotano già quando il bimbo non è ancora nato. L'idea imperante qui è che la madre deve stare a tempo pieno con il bimbo per almeno 3 anni. E quando sono convinti di una cosa non li smuovi nemmeno con le cannonate.
Per quanto riguarda il traffico, ovviamente dipende da dove sei. Se confronti Roma ad una cittadina come Heidelberg è chiaro che non c'è storia. In generale però qui la situazione stradale cittadina è migliore: poco traffico, tante biciclette, molto rispetto per le regole e per i limiti di velocità. Queste cose rendono la città più vivibile. Quanto avevo scritto qui forse può esserti utile a capire. Le autostrade invece sono peggio che in Italia: sempre piene di lavori senza alcun criterio.
Qui c'è molto rispetto per tutto ciò che è pubblico e per le regole in generale. L'altro lato della medaglia è che a volte alcuni si lasciano un po' prendere la mano da questo culto della regola ed esagerano. Qui ho scritto qualcosa a riguardo.

Di dove è tua moglie? Avete già un'idea della città in cui vorreste trasferirvi? Tu parli il tedesco? Avete un figlio?

Aggiornamento musicale: ieri c'è stato il primo dei due concerti. Io, avendo una familiare, ho dovuto trasportare grancassa, arpa e arpista. C'era un traffico incredibile che ci ha fatto arrivare con un'ora di ritardo alla prova. L'arpista a fatto la parte dell'omo accollandosi l'arpa e togliendomi poi dalle mani la grancassa.
Il concerto è andato bene: ovazione all'impiedi, e richiesta di due bis. Alla fine il direttore ha dovuto dire: purtroppo gli orchestrali sono un po' stanchi. Stasera ci sarà il concerto più importante.

Saluti e buon fine settimana.

dioniso ha detto...

... dimenticavo. Chi ha dei figli dovrebbe anche considerare che il sistema scolastico tedesco è estremamente classista. Delega molto alle famiglie. Per cui chi ha una "buona" famiglia alle spalle ha moltissime probabilità in più di avere una carriera scolastica migliore. Invece i figli degli emigranti, che soprattutto i primi anni di scuola, possono avere qualche problema in più con la lingua, spesso vengono classificati come bimbi problematici e a volte possono anche finire nelle Sonderschulen: le scuole speciali. Oppure già a 10 anni in scuole che non consentiranno il futuro accesso all'università.
Recentemente ho sentito che è anche entrato in vigore un nuovo sistema di voti per cui alle elementari vengono giudicate capacità come:
iniziativa, capacità di risolvere conflitti, ecc. Cioè qualità forse adeguate alla scheda di valutazione di un manager della Microsoft, non ad un bimbo di 6 anni.

gianlu ha detto...

CIao Dionisio,
grazie per la dettagliatissima risposta.
Ancora rido per il confronto Italia Germania alla guida. Secondo me descrive molto bene le cose. SE posso aggiungere un episodio la mia Krucca ha subìto un ritiro della patente per essere stata beccata da una telecamera a non rispettare la distanza di sicurezza a 20 metri dalla macchina davanti...
Avevo letto della simpatica frau stronzman e, si, ti consiglierei di far passare un po' di tempo e poi scriverla quella lettera di protesta, mi dicono che lì funzionano.
LA mia Krucca è di un piccolo paese del Macklemburgo e quando è caduto il muro aveva 18 anni. Ogni volta che racconta una storia della sua infanzia sulla Germania est starei a sentirla per ore.
Ora abbiamo due figli.
Krucchetta ha quasi tre anni e Occhi blu tre mesi.
Stavamo pensando proprio alla vostra zona. Heidelberg ci piace molto ed inoltre io in Italia lavoro per un'azienda che ha sede a Walldorf se ci sei mai passato (in realtà anche se non l'hai fatto) puoi facilmente capire qual'è.
Il mio tedesco fa un po' pena. Ma tu come hai fatto ad impararlo?
Questi pazzerelloni non hanno il genere dei sostantivi e devi quindi impararli con l'articolo per ricordarti se femminile, maschile o neutro, hanno i 4 casi ed io il latino a scuola non l'ho fatto, infine hanno parole lunghissime con una serie impressionante di consonanti consecutive!
Per fortuna nella mia azienda la lingua ufficiale è l'inglese...
Quindi prima di fare il passo di provare a chiedere un trasferimento almeno temporaneo volevo un parere disinteressato e spassionato e tu mi stai facendo un ottimo quadro.
Grazie !

ziomassimo ha detto...

ciao gianlu,
anche io sono consulente esterno-precario presso una grande azienda a Roma (Poste Italiane). Non è che per caso siamo "compagni di sventura"?

dioniso ha detto...

gianlu, secondo me le telecamere che controllano la distanza di sicurezza dovrebbero installarle anche in Italia. Mi era infatti venuta proprio l'idea di scriverlo a autstrade.it. Secondo ridurrebbero di molto il numero di incidenti.
Ho capito perfettamente qual'è il colosso per cui lavori.
Ci lavorano anche i miei vicini. Io invece sto con la concorrenza.
Il tedesco è difficile e in realtà, secondo quanto dice Frau Stronzmann, il mio livello fa ridere i polli.
Però è una lingua molto logica e razionale. Le parole composte spaventano, ma dopo gli ostacoli iniziali per imparare a scomporle istantaneamente ad occhio, il fatto che le parole siano composte aiuta per la comprensione.
Il tedesco lo vedo come una lingua fatta di tanti piccoli e complicati mattoncini che si incastrano razionalmente a formare un'affascinante struttura logico-linguistica.
Fammi sapere se vi avremo come vicini.

Buona domenica

Gianlu ha detto...

ziomassimo,
ma guarda com'è piccolo il mondo...
, anch'io sono un consulente esterno ma per fortuna non precario..(se nel mondo del lavoro c'è rimasto qualcosa di non precario...l'altro giorno scherzavo con un mio compagno di lavoro non collega perchè,non licenziandosi mai è riuscito a cambiare 4 aziende in 5 anni...)comunque siamo molto, molto vicini tanto che se volessi sapresti dove trovarmi...diciamo giovedi prossimo.
Magari ci prendiamo un caffè.

Dionisio, in effetti sta cosa della distanza di sicurezza è da approvare...i miei puntini erano dovuti alla (mi sembra) abissale distanza fra come facciamo le cose qua e come le fanno i nostri amici crucchi.
Se non sono troppo invadente, ma quale concorrenza? Noi in realtà abbiamo solo due aziende che possiamo considerare concorrenti. Una si dice ci voglia comprare l'altra ha comprato tutto il resto....
A presto
G

dioniso ha detto...

Dicendo che sto con la concorrenza ho detto in realtà una cosa un po' impecisa.
Infatti la mia azienda probabilmente non è nemmeno un decimo della tua. E la concorrenza sussiste solo in un piccolissimo settore per la tua, ma fondamentale per la mia: Datawarehouse (o magazzino di dati) e forse BI.

Tu di che ti occupi esattamente?

ubik ha detto...

Questo scambio mi sembra molto ricco. I post di gianlu mi hanno molto colpito e mi trovano d'accordo su quasi tutto (soprattutto il primo). E' la traduzione perfetta di quello che proviamo tutti i giorni, cercando di vincere lo scoramento e la tristezza nel vedere premiati i comportamenti stile "furbetti der quartierino" contro quelli semplici e virtuosi di noi altri.
Utilissime le precisazioni che hai fatto Dioniso su alcuni aspetti tedeschi. Da provinciali succede che ci facciamo strane idee sugli altri paesi, credendo che di la' funzioni meglio e sia organizzato in maniera invidiabile...e invece le scuole speciali, gli asili privati, ... tutto il resto. Insomma un bel punto di vista.
Intanot io mi preparo al ventennio di destra che ci attende. E la prospettiva mi deprime.

dioniso ha detto...

ubik, ti cito: "il mio orientamento è di non andare a votare. Che torni Berlusconi mi importa poco."
"Berlusconi non mi tange per il semplice motivo che 2 anni di governo Prodi non è che abbia migliorato la mia vita." "Quindi se torna Berlusconi continuerò a farmi i conti come ora. E poi niente legge sul conflitto di interessi e leggi ad personam non cancellate (tranne il falso in bilancio)...alla fine non cambia niente."

E ora dici: "Intanto io mi preparo al ventennio di destra che ci attende. E la prospettiva mi deprime."

Non pensi che andando a votare potresti contribuire a permettere di costruire una prospettiva diversa?

ubik ha detto...

La mia idea è che la sinistra deve prendersi una bella botta, sennò fa gli stessi errori. Primo spero che spariscano alla vista i vari R. e i partitini con Pecorari e Diliberti. E poi il PD se prendesse una bella botta dovrà riazzerare le sue cariche e trovare una nuova classe dirigente oltre che una visione euna identità, per ora molto deboli. Non voterò: che imparino! Poi si vedrà. Magari con la scusa che non si può lasciare l'Italia in mano a Berslusconi o che va contenuta la vittoria della destra...ci andrò. Ma per ora rimango dell'idea di non andare. A sinistra sono un pò troppo "ceto politico"...

ziomassimo ha detto...

ubik, certo che se non si va a votare e si spera che la sinistra radicale sparisca, ipotizzando pure una “bella botta” per il PD…Berlusconi non ce lo leva nessuno e ce lo meriteremmo proprio!
Anzi, penso che se ti sente ti nomina Ministro :-)

sugar cane ha detto...

@ziomassimo: questa volta sono pienamente d'accordo con te.

ubik ha detto...

Che ve devo dì? Che a sinistra n parecchi la pensiamo così. Però non è una legge scritta sulle tavole. Magari poi ci ripenso. Però l'unico modo per farsi sentire nei partiti è punirli, a meno che non si voglia partecipare in prima persona nella vita dei partiti stessi, e io già do il mio contributo in altri contesti. Quando perdono sonoramente si risvegliano. Ricordate i DS al 17% e il grosso lavoro di Fassino? Penso a quelle cose lì

gianlu ha detto...

E' veramente bello leggere un blog di una persona, interessandoti in generale a quello che scrive e poi scoprire che fate più o meno lo stesso lavoro.
Dionisio, io mi occupo di Controlling. Non sono un controller ma come già detto un consulente esterno. Dal '98 vado in aziende grandi e medie, parlo con i controller mi faccio raccontare lo scenario e cerco di "disegnare" sul "prodotto" dell'azienda per cui lavoro qualcosa che vada bene per loro.
Il mio lavoro mi piace , peccato a volte per gli interlocutori...
Il datawarehouse è una cosa che mi affascina, ma non l'ho mai approfondito.
Se ho capito bene tu fai più o meno la stessa cosa giusto?

Ubik, in questo periodo mi sto ponendo più o meno la stessa domanda... come votare alle prossime elezioni?
Premesso che forse il caso delle liste civiche di 'Grillo' potrebbe essere un'alternativa da valutare,
sono d'accordo in generale sul fatto che sia molto difficile continuare a turarsi il naso.
E' vero però che certe alleanze sono (spero) il frutto di questa legge elettorale.
A tal proposito vorrei fare un inciso sulla fantastica battuta della Littizzetto di ieri sera:
"è come se il governo avesse superato terremoti, turbolenze e catastrofi di ogni genere per poi scivolare e cadere su una M...a" (il riferimento ai tre mastelliani è evidente) E ancora sull' Udeur..."uno è Mastella" (e questo credo basti) "uno sputa e l'altro sviene".
Era forse da "avanzi" che non mi divertivo più così con un programma televisivo...!
Non so se avete anche voi quella sensazione che ti dice che anche se stai in un paese che fa pena...c'è qualcuno dal tuo stesso lato, dell'ormai opposizione, che ti capisce sta con te e prende per il sedere chi governa.
E' molto piacevole ed è anche uno dei principali motivi per cui non abbiamo quasi mai governato e quando lo facciamo ci sentiamo un po' persi.
Il 'piacere masochista di essere sempre 'contro', all'opposizione.
Sto divagando, quindi Ubik purtroppo allo stato attuale delle cose non votare è come risorbirsi la sfilza di ministri di cui parlevamo qualche post fa.
Speriamo che a sinistra facciano sta 'cosa rossa' così a parlare saranno in due o tre al massimo. E forse una bella alleanza col PD.
Altre due cose.
Ma il tempismo di Veltroni sul correre da soli?
In un paese normale tipo la Germania sarebbe stata una legittima osservazione. Qua ha dato una bella spallata al governo.
Come lo vedete Di Pietro? Mi sta venendo una certa ideuzza di votarlo....non attacca due parole una dietro l'altra neanche
con la colla, ma almeno è al di sopra delle parti e se vogliamo è stato l'unico a massacrare Mastella.

gianlu ha detto...

Ehm...sono stato un po' prolisso. Poi ho letto il vostro lungo post sulla religione, e mi sembra viaggiate culturalmente almeno due o tre spanne sopra di me. Quindi vado a letto perlomeno un po' costernato di tanta ignoranza:-))
Come diceva Paolantoni (così cito anch'io qualcuno...)in un suo famoso scketch: Mi Scuso!
'Notte

ziomassimo ha detto...

Tranquillo gianlu, personalmente sono un asino benemerito! Non ho mai voluto studiare (inutile dirti che ora me ne pento) e “tutto quello che non so, l’ho imparato a scuola”, ma io penso che ognuno debba fare la sua parte con dignità.
Non è proprio il caso di costernarti né tanto meno di scusarti…

Eugenio ha detto...

Caro Dioniso,
ho istituito il "Comitato promotore per l'Oscar a Dioniso" e ho proposto ad Eli di conferirlo a questo tuo post... Vedremo che succede.
Ciao

dioniso ha detto...

gianlu, volevi essere un po' ironico no? Io ho letto il tuo commento in questa chiave

ziomassimo, sottoscrivo.

Eugenio,
che emozione! Er "Comitato promotore per l'Oscar a Dioniso"!
Ma poi mi faranno andare a Blogliwood ? ;-)
E perché non anche un "Comitato promotore per il Nobel a Dioniso"?!

gianlu ha detto...

Beh insomma, in genere dire cose serie in modo ironico è un po' il mio modo.
Comunque c'è anche da dire che ieri sera ero in preda alla febbre e questo forse ha un po' inciso...

ziomassimo ha detto...

eugenio, chiedo al "Comitato" di argomentare le motivazioni del conferimento :-)

Gelato al limon ha detto...

la canzone era forte. che tempi.

Eugenio ha detto...

Caro Dioniso,
come vedi il lavoro del comitato ha dato i suoi frutti: l'Oscar ti è stato conferito. Puoi vederlo collegndoti al blog di eli, a questo indirizzo: http://bolledaorbi.ilcannocchiale.it/
Per il Nobel non credo di essere pronto a lavorare, ma so che mi perdonerai.
Ciao

dioniso ha detto...

Che onore! Un Oscar! Grazie Eugenio e grazie anche ad Eli.

dioniso ha detto...

... mi viene un po' in mente Umberto Eco quando sostiene che ci sono infinite chiavi di lettura di un testo: c'è quella dello scrittore e quella dei lettori e tutte sono in qualche modo corrette.