mercoledì, febbraio 28, 2007

Hummos e Giordania

Durante il nostro viaggio in Giordania abbiamo assaggiato per la prima volta la cucina medio-orientale. Mi è piaciuta molto. Tanto che alla fine del viaggio ho comprato un libro di ricette. È in Giordania che ho mangiato per la prima volta l'hummos e me ne sono innamorato. Di tutte le ricette del libro solo due sono sopravvissute alla quotidianità: l'hummos appunto e le falafel.
L'unico ingrediente dell'hummos che per la nostra cucina risulta un po' esotico è la Tahina: un olio di sesamo molto denso, quasi una crema. L'ingrediente è però fondamentale: conferisce al piatto un gusto particolare e caratteristico che ricorda leggermente il gusto di affumicato.
Ingredienti: (per 4 persone)
250 g di ceci, 3-4 spicchi d'aglio, 1 tazza di prezzemolo, 2-3 cucchiai di Tahina, il succo di 2-3 limoni, sale, olio extravergine di oliva.
Preparazione:
Lasciate i ceci in ammollo per 12 ore circa. Cuoceteli per 50-60 minuti nella pentola a pressione o per almeno 90 minuti in una pentola normale. Disponete gli spicchi d'aglio in un mortaio insieme a un cucchiaino circa di sale e con un pestello riducete in poltiglia. Inserite l'aglio pestato, la tahina e il succo di limone in un frullatore e frullate il tutto riducendo a crema. Per esperienza personale vi consiglio di fare delle pause, altrimenti rischiate di bruciare il frullatore. Il piatto si serve irrorato con l'olio e cosparso con il prezzemolo tritato fresco.
Io ieri l'ho abbinato con funghi e patate. Non credo si tratti di un abbinamento tipicamente arabo.

4 commenti:

lucia ha detto...

l'unica cucina mediorientale l'ho assaggiata ad Amsterdam. Era una notte ventosa. Ricordo solo il sapore di una spezia che inebriava. Leggendo la tua ricetta l'ho improvvisamente ricordato. E ora è tornato dopo anni a deliziarmi il palato.
Magie dei cinque sensi.
;-)
a presto

dioniso ha detto...

Era simile al gusto che descrivo?
Bè, ora la ricetta ce l'hai. Puoi sempre provarla e farmi sapere.

eulinx ha detto...

Io lo spalmo sui crostini di pane caldo. Adoro la cucina mediorientale, ne vado davvero matta. Ovviamente adesso mi è venuta fame...

dioniso ha detto...

I crostini di pane caldo sono sicuramente la morte sua. Mi raccomando non dimenticare l'olio d'oliva. Quello che ci si sposa meglio è quello della Sabina. ;-)