sabato, maggio 31, 2008

Voglio trovare un senso a questa vita ....

...anche se questa vita un senso non ce l’ha

Sai che cosa penso
Che se non ha un senso
Domani arriverà...
Domani arriverà lo stesso
Senti che bel vento
Non basta mai il tempo
Domani un altro giorno arriverà...

Recentemente questo è diventato un po' il nostro inno.



Solo una cosa non approvo di questa canzone: l'ultimo verso.

Voglio trovare un senso a tante cose
Anche se tante cose un senso non ce l’ha

Bastava aggiungere una "n" alla fine e si sarebbe salvata sia la metrica che la grammatica ;-)

Si prevede una fine di settimana di trepidanti attese.

26 commenti:

fabio r. ha detto...

non dimentichiamoci allora di Lorenzo, nella fase Jovanotti, che cantava: "...sono un ragazzo fortunato, perchè non c'è niente che ho bisogno.."

Intimamente tedesco? (was ich brauche...) o solo principe degli anacoluti?

Viel Spass beim Singen!!

gianlu ha detto...

Vab� di fronte a sto capolavoro una piccola licenza poetica non stona. Ormai l'hai scritto, quindi mi impiccio... cosa attendete?

dioniso ha detto...

Fabio, c'è addirittura chi "teorizza" che la lingua delle canzoni debba necessariamente essere sgrammaticata per una questione di leggerezza. Tempo fa mi capitò di sentire un'intervista a Ligabue in cui egli sosteneva di evitare deliberatamente l'uso del congiuntivo nelle sue canzoni ché appesantirebbe.
Invece la mitica Carmen Consoli risponde con:

"se è vero che ad ogni rinuncia corrisponde una contropartita considerevole"

e ancora

"si dice che ad ogni rinuncia corrisponda una contropartita considerevole"

gianlu, vabbè, chiamiamola licenza. Lo sostenevo pure io con la mia maestra quando mi segnava come errore "siamo andati ha mangiare e poi habbiamo visto un film a televisione con Fabbio". Ma come signora maestra!? Non coglie la sottile ironia stilistica trasfigurata nella licenza direi quasi poetica!? Oh, non si convinceva!! ;-)

Attendiamo due risposte i cui sviluppi potrebbero rivoluzionare le nostre vite.... mi mantengo sull'enigmatico.
Tanto sappiamo bene che tutto è nelle mani del dio Caso, uno e bino, nella sua espressione manichea (alias Sièverificatalacombinazionegiustaalmomentogiusto (che culo!), Sièverificatalacombinazionesbagliataalmomentosbagliato(schade für euch))

fabio r. ha detto...

off topic: ritornando al post Toni mediamarkt, dai un'occhiata qui:
http://www.welt.de/vermischtes/article2051685/Media-Markt-Werbung_aergert_die_Italiener.html

ciao e buon 2 giugno!

dioniso ha detto...

Grazie per l'informazione Fabio.

Nell'articolo leggo:

"Italien kann über die Media-Markt-Werbung mit Comedian Olli Dittrich gar nicht lachen" ("L'Italia non riesce a ridere della pubblicità di Media-Markt")

e mi chiedo:

avrebbero riso i tedeschi se la COOP avesse usata la solita stupida macchietta del tedesco militarista e autoritario per una sua pubblicità?

Donna Cannone ha detto...

In tema musicale, anche a te dedichiamo il nostro brano di apertura di giugno

dioniso ha detto...

Grazie mille Donna Cannone! :-)

ubik ha detto...

Senza disperdere il mio ego e le mie opinioni e pur con ritardo (causa assenza linea telefonica) faccio un riepilogo di alcune cose lette negli ultimi post. Speriam oche D. non se ne avrà.
1) elezioni politiche. Visto che l'istituto Cattaneo gode di solida serietà, dovrò fare mea culpa e rivedere alcuni miei commenti sulle elezioni. Però per quanto riguarda la CGIL qualcuno mi chiedeva come potesse conciliarsi la tessera con le preferenze di voto a destra. Bè l'IRES CGIL aveva già fotografato questa situazione nel nordo. Brescia, Bergamo, Torino, Milano mostravano questo tipo di scollamento: tessera CGIL e voto alla Lega. D'altronde nel mio posto di lavoro conosco personalmente tre iscritti che votano: 2 AN, 1 PdL. E non mi stupisco visto che pensano che la CGIL sia più forte per difendere i loro diritti. Le tessere vengono fatte anche però con i patronati (il 730 ad esempio) e quindi si può vivere in santa pace anche se si vota a destra e ci si affida ad un sindacato di sinistra.
2) sulla pubblicità regresso bellissima discussione impreziosita dall'intervento della on. Garavini. Non ho cambiato idea e credo e concordo con chi ha detto che significa qualcosa per una fetta di italiani (i lettori di Repubblica a mio avviso). Il resto neanche ci ha fatto caso. Però la coda di paglia di dioniso è giustificata, ma in questo caso la sento lontana. In fondo da che mondo è mondo ci siamo divertiti con gli stereotipi. ricordate le barzellette con l'inglese, il tedesco e l'italiano?
Infine: ho visto Gomorra e credo che lo spot sia un solletico do fronte a quello che si vede in questo film.
Saluti e auguri per le notizie in attesa

dioniso ha detto...

ubik, non me ne ho assolutamente. Però, come è ormai consuetudine, non mi trovo d'accordo con te.
Non tanto per la tua opinione, quanto per le argomentazioni che usi per corroborarla.
Mettere sullo stesso piano le barzellette con l'inglese, il tedesco e l'italiano raccontate durante l'infanzia (già nella pubertà le si considerava stupide) con una martellante campagna pubblicitaria condotta da tutti i media (manifesti, stampa, radio e TV) mi sembra quanto meno ardito.
Ancor più ardito mi pare il paragone con un film di denuncia come Gomorra.

ziomassimo ha detto...

Dioniso, abbiamo già avuto modo di apprezzare questa canzone di Vasco. L’ultimo verso è quello che preferisco, rappresenta l’autentico estro geniale dell’artista.

Per quanto mi riguarda, purtroppo io non sono in trepidante attesa di annunci, in quanto la brutta notizia che attendevo è già arrivata e cioè con molta probabilità, dopo quattro anni, entro l’estate potrei rimanere senza l’attuale lavoro. Pazienza, per l’ennesima volta mi inventerò qualcosa, magari ricomincerò di nuovo da capo da un’altra parte. Con la dovuta forza e soprattutto senza tristezza, anche perché come diceva Spinoza e come proprio Vasco ha ripetuto l’altra sera ai settantamila dell’Olimpico: «Chi detiene il potere ha sempre bisogno che le persone siano affette da tristezza» . Anzi, ne approfitto per fare un annuncio a tutti i frequentatori del blogghetto:
CERCO LAVORO.
Comunque in bocca al lupo per le tue risposte.
Che il dio Fato ce la mandi buona!

Ho intenzione di fare provare al mio Cico l’emozionante esperienza del mega raduno-concerto rock, quindi andremo all’Heineken Jammin Festival al Parco San Giuliano di Venezia.

In questo fine settimana ho visto il film “il divo”. Semplicemente inquietante, più forte del Caimano, senz’altro da vedere.

Ciao a tutti.

dioniso ha detto...

ziomassimo, grazie!
Mi dispiace per il tuo lavoro. Tienimi aggiornato.
Purtroppo non so se noi riusciremo a vedere Il Divo e Gomorra. Vorremmo tanto, ma mi sa che ci toccerà apsettare che escano i DVD.

Gianlu, se ci sei batti un colpo e sintonizzati immediatamente su radiotre.
A Fahrenheit tanno parlando dei risultati dei bimbi italiani nella scuola tedesca con due esperte (Saraceno e Salomone mi sembra).
Non sta facendo un quadro molto confortante. Dice che secondo lei il sistema scolastico tedesca per molti aspetti è fermo ai tempi di quando noi avevamo la scuola di avviamento al lavoro.

dioniso ha detto...

Ora ho capito anche il nome di una delle esperte:

Chiara Saraceno

ziomassimo ha detto...

L'altra è Anna Salomone.

dioniso ha detto...

Ammazza che tempismo!
Ascolti Fahrenheit eh?!

gianlu ha detto...

:-))))
Eccomi qua, sono ancora in tempo?
Fahreneit non so neanche cosa sia...!
E Poi non so come facciate voi a rimanere sempre collegati. Io uso ancora il vecchio PC ed ogni tanto butto un occhio. Come faccio ad interagire in tempo reale?
Che hanno detto?
Posso risentire la puntata?
COmunque mi sa che dopo il resoconto di Leo, so tutto. Hai ricevuto la sua mail?
Leo è BRAVISSIMO!

Ziomassimo: fuori un curriculum!
che sai fare?

gianlu ha detto...

MA poi (e insisto!) quale parte del dio caso avete beccato?

Dioniso ha detto...

Qui c'è il sito di Fahre, qui ci sono i dettagli su "Nati per leggere il tedesco" e da qui, a partire credo da domani, potrai riascoltare la puntata.

Io sono sempre collegato per lavoro.
No Leo non mi ha ancora girato il messaggio. Magari mandamelo tu: dionisoo@gmail.com (dionisoo con due "o")

Il dio Caso come al solito agisce ignorandoci: il risultato che avrebbe potuto influenzarci molto positivamente non è ancora definitivo ma è molto probabile che sarà negativo, mentre il risultato che avrebbe potuto influenzarci molto negativamente non è anch'esso ancora definitivo ma è molto probabile che sarà positivo.

ziomassimo ha detto...

gianlu, ti ringrazio per l'interesse alla mia situazione.
Fammi sapere come farti avere il mio curriculum. Magari potresti comunicare alla già citata casella postale di dioniso ( dionisoo@gmail.com ), che eventualmente provvederà cortesemente a girarmelo, l'indirizzo presso il quale potrei inviarti il CV

gianlu ha detto...

fatto!
Non fare troppo affidamento sudi me per�...;-)))
Mi leggo il curriculum e cerco di vedere se fra le mieconoscenze c'� qualcuno che va bene per te.
A presto
G

gianlu ha detto...

Grazie Dioniso,
ci ho messo un po' ho scaricato realplayer ed adesso sto ascoltando la puntata.
Ottimo contributo.
A presto

ubik ha detto...

in questi giorni singhiozzo con i collegamenti...potendo solo dal lavoro.
@ziomassimo:
i dispiace tantissimo. E' una di quelle situazioni in cui sopravviverei molto male. Speriamo bene. Comunque per il CV fallo girare anche da queste parti ttramite Dioniso, anche io vedrò di raccattare tra gli amici e i conoscenti.
@dioniso:
per una volta la mia opinione riguardo i sindacati è ricalcata "quasi-quasi" dalle conclusioni dello studio IRES e riguardo i patronati sono i sindacalisti stessi a dircelo (in fondo se vuoi che 730 e 101 te lo facciano senza impazzire da tesserato è gratuito o fortemente scontato, ergo...). Magari nella fretta di scrivere il post non l'ho evidenziato, sarò più preciso le prossime volte.
riguardo Gomorra potrebbe essere un azzardo però l'ultima dichiarazione di Barbareschi è veramente comica secondo lui per ogni Gomorra esportato all'estero dovremmo esportare almeno 10 film che parlano bene dell'Italia. Afef, moglie di Tronchetti Provera sostiene una cosa simile. Quello che capisco è che nessuno vuole dare un'idea sbagliata e negativa del nostro paese. In realtà negativa lo è nei fatti e nella costruzione degli stereotipi concorre (tipo i rom che rubano, gli africani mandingo e tutto l'armamentario che conosciamo).

dioniso ha detto...

gianlu, prego!

ubik, sei sicuro che la risposta relativa ai sindacati sia rivolta a me? Io non ne ho parlato per niente.

ubik ha detto...

Sta a vedere che ho confuso qualcosa. Capita perchè quando torno al lavoro non ricordo bene le ultime code del blog e anche per questo ho ridotto di un pò la frequenza dei commenti.
C'aggia fa. Noi aspettiamo da iù di un mese la linea telefonica in casa...cosa avrebbe fatto Toni? Una mazzetta al tecnico, una conoscenza che avrebbe rimesso tutto a posto, avrebbe aspettato paziente e indignato. C'è una quarta ed è la nostra: aspetiamo rassegnati.
Buona Giornata:-)

ziomassimo ha detto...

gianlu e ubik,
grazie ancora per la disponibilità e la solidarietà.
Non mi faccio certo illusioni, tuttavia quanto prima vi farò avere il mio scarno e modesto CV, vi assicuro che sono un autentico "asino"!
;-)
A livello professionale possiedo oramai principalmente una discreta esperienza, quasi decennale, nel campo dell'help desk e call center.

ziomassimo ha detto...

ubik, a proposito delle dichiarazioni di Barbareschi e Afef su Gomorra, c'è da dire che Andreotti disapprovando il neorealismo diceva: "i panni sporchi si lavano in casa"...

ubik ha detto...

sto facendo un post su questo: mi ribolle il sangue. A dopo