domenica, dicembre 10, 2006

Alberi

Ieri sugar e io siamo entrati per la prima volta in 7 anni nel negozio carissimo che vende oggetti natalizi durante tutte le stagioni dell'anno. Anche se il negozio è abbastanza kitsch, siamo rimasti impressionati: da fuori ci si immagina uno spazio piuttosto angusto, ma l'interno è enorme e si sviluppa su due piani con una sorta di cortile interno dove trova posto l'enorme albero bianco della foto. Si trovano tutti le palle, gli addobbi e gli ornamento immaginabili. Non essendo una loro tradizione sono un po' carenti per quanto riguarda i presepi, ma per l'albero si trova tutto.
Io e Sugar abbiamo comprato 3 palle a fuso e un puntale, che Sugar ha poi usato, insieme alle palle degli anni precedenti per decorare il nostro alberello. Nella mia famiglia di origine si addobbava sempre lo stesso abete trapiantato da mio padre quando io avevo 3 anni e che ancora sopravvive nel parcheggio della casa dei miei nonni. Forse per questo motivo non mi piace avere abeti di plastica. Purtroppo però finora non siamo stati fortunati: l'abete comprato due anni fa non ha resistito. Quest'anno ci abbiamo riprovato. Come potete vedere l'albero è un po' asimmetrico, ma alla fine dell'inverno la mia perizia di potatore lo renderà migliore ;-)

6 commenti:

ubik ha detto...

diciamo che sfida le leggi della stabilita'...sei influenzato dall'architettura decostruttivista.
Ah sti post-moderni
Ciao Ciao

dioniso ha detto...

Esatto, ma mi sembra ti siano sfuggite le reminiscenze bauhausiane

Anonimo ha detto...

sulle prime avevo capito che il vostro fosse l'albero bianco... poi ho visto il pancione di sotto e mi e' stato subito simpatico.
il meeting e' un po' noioso

dioniso ha detto...

Che vorresti dire che noi non saremmo in grado di allestire qualcosa come l'albero bianco? ;-)
Che si dice a Buckingham Palace?

Anonimo ha detto...

bah... non sanno ancora spiegarsi come mai diana fosse cosi' popolare. e la regina pare soffra di stipsi sotto natale...

la conferenza e' proprio una palla...

dioniso ha detto...

Ma la conferenza è lì a Buckingham?