mercoledì, ottobre 15, 2008

Atlanta

Sabato 11 ottobre

Atterro ad Atlanta verso le 13:30. Dopo esser passato attraverso l'immigrazione ed aver sbrigato le solite procedure sempre più farraginose (impronte delle dieci dita - mi chiedo se presto aggiungeranno anche quelle podali - e foto della retina) recupero il mio borsone dal nastro trasportatore e seguo le indicazioni per il centro della città.
Raggiungo un punto dell'aeroporto in cui mi si chiede di reimmettere il bagaglio in un nuovo nastro. Penso di aver sbagliato strada.
Invece no! Devo essere di nuovo controllato con i raggi e togliendomi le scarpe come all'imbarco.
Ogni anno trovo delle simpatiche novità.

Arrivo in albergo (nella foto) verso le 15 che per me sono le 21. La mattina sono partito alle 6:30. Sono stremato. Vorrei dormire, ma so che poi il mio corpo non si abituerà al diverso fuso orario.
Mi impongo quindi uno sforzo disumano ed esco.

Il centro di Atlanta non è molto grande. Pare che l'acquario sia uno dei più grandi del mondo.

Trovo questo divieto molto singolare.

I grattacieli svettano.

Un'altra delle attrazioni della città è il centro della CNN. Visitabile a pagamento. Me ne guardo bene.
Verso le 19 vado a cena. Scelgo un ristorante che mi pare decente. Prendo insalata (Cesar salad) e creme brulé. Si conferma la mia opinione sui ristoranti americani: se si sceglie oculatamente si può mangiare molto bene.
Per il giorno successivo vorrei visitare la tomba di Martin Luther King. Chiedo alla cameriera dove si trovi. Non ha idea. Cerca di procurarsi l'informazione, ma torna con delle indicazioni molto confuse. Alla fine decido di rinunciare.

Alle 20:30 sono già entrato nel mondo onirico.
Ovviamente mi sveglio all'alba.

Vicino all'acquario c'è una delle altre attrazioni della città: il quartier generale della Coca Cola. Anch'esso visitabile a pagamento.

Non può mancare il monumento a John Stith Pemberton (Knoxville, 8 luglio 1831 – 16 agosto 1888) inventore della formula della Coca Cola.

A poche centinaia di metri si trova il parco costruito il occasione dei giochi della XXVI Olimpiade dove non può mancare il monumento a Pierre de Coubertin.

Altro scorcio del parco.

A circa un chilometro si trova il Georgia State Capitol sede del governo della Georgia.

Dove svetta il monumento a John Brown Gordon.

Continuo a vagabondare e osservo diversi edifici con architetture interessanti.

La macchina dell'Hard Rock Cafe è anche a modo suo interessante.

Verso le 11 sono già in aeroporto per imbarcarmi alla volta della Carolina del Nord.
Noto questa particolare bancarella in cui effettuano - credo gratuitamente - iniezioni di vaccino antinfluenzale. Non ho chiesto se il servizio era limitato ai soli cittadini statunitensi.

Nella Carolina del Nord trovo un'ottimo clima. Sole e temperature tra i 20 e i 26-27 gradi che scendono un po' durante la notte.
Farei volentieri a meno dell'aria condizionata. Invece la cosa divertente è che devo portarmi una giacca da usare in ufficio e dentro la mensa per poi toglierla durante i piacevoli percorsi sotto il sole all'aria aperta.

20 commenti:

Crazy time ha detto...

Ma allora sei in Ammerica!
Welcome.

valeriascrive

gianlu ha detto...

Questa dell'aria condizionata non la capisco.
Anch'io in ufficio col maglione lo tolgo quando vado a pranzo...
Un saluto alla North Carolina

ubik ha detto...

Ciao. Se ti capita di andare alla tomba di Martin Luther King potresti fare una bella foto alla tomba stessa? Sulla rivista abbiamo una rubrica che si intitola "la visita" e che ricorda alcune figure, con una didascalia o una citazione.
Te ne sarei molto grato.
Ciao

Anonimo ha detto...

flavietto,

ma come tra tutte le attrazioni di atlanta ti sei scordato la piu' importante?? non sei andato in visita al teatro dove i NOSTRI fecero il primo vero concerto in supporto ai Police?? Altro che CNN e Coca-Cola... :)

dioniso ha detto...

Hi valeriascrive,
Thanks!
How are you doing?

Non ce la faccio già più a rispondere a tutti questi how are you! :-)
Ieri mattina la mia capa e la mia ex capa hanno organizzato una colazione per me per farmi incontrare tutta la gente di quel piano.
Sono state molto carine. Hanno portato dolci e muffin fatti da loro. Saranno venute una cinquantina di persone.
Tutti venivano da me a stingermi la mano e mi dicevano chi erano. Mi sono sentito come il presidente della repubblica in visita ufficiale.
Tutti quei nomi e tutti quei volti. Chi se li ricordera mai... sono pessimo in questo. Spesso mi capitano situazioni imbarazzanti (soprattutto qui) in cui le persone mi salutano come se mi conoscessero benissmo e a me sembra di non averli mai visti. Sarà l'età?
Comnque una di quelle che mi hanno salutato ieri, si è fatta prendere la mano dal troppo zelo:

- Hi!! How are you doing!!???!!
- I'm fine thanks and you.
- I'm good!! And you?! How are you doing!!???!!

Chissà magari se avessi risposto di nuovo saremmo ancora lì imprigionati nella spirale howreyoudoingiana ;-)

gianlu,

sì, uno spreco assurdo. Ma scusa, tu non dovevi essere lì per un progetto volto a ridurre le emissioni di CO2?

ubik,

ma il post lo leggi tutto o leggi solo il titolo? ;-)
Mi sarebbe piaciuto visitarla ma.... "Per il giorno successivo vorrei visitare la tomba di Martin Luther King. Chiedo alla cameriera dove si trovi. Non ha idea. Cerca di procurarsi l'informazione, ma torna con delle indicazioni molto confuse. Alla fine decido di rinunciare."

anonimuccia!

AH!!! Ho dimenticato l'attrazione principale!!
Potrò sempre riparare però. Venerdì ho di nuovo lo scalo ad Atlanta. Potrei rinunciare a prendere il volo di connessione per Francoforte e passare un'altro giorno ad Atlanta! ;-)

ziomassimo ha detto...

anonimo, il tuo commento mi ha incuriosito: di chi parli?

ciao dioniso, salutami gli States

ubik ha detto...

il post l'ho letto tutto. Speravo che magari potevi ritornarci.

dioniso ha detto...

ciao ziomassimo! Grazie!
Rispondo io per conto dell'anonima, visto che commenta ogni morte di papa ;-)
Intendeva I REMMMINI!!!!

ubik, ah scusa, non avevo capito. No purtroppo non avrò questa opportunità. Magari sarà per un altro viaggio.
Non lo faccio per i remmini figurati se lo faccio per MLK! ;-)

Anonimo ha detto...

esatto, caro ziomassimo, devi sapere che io, ma soprattutto dionisino nostro, siamo groupie dei rem... che sono di Athens, GA. 1 ora scarsa da Atlanta. :) ciao anonima remmiana

gianlu ha detto...

No comment...;-)
La misurazione non la riduzione...
LA posso misurare quanto mi pare ma con questi non c'è niente da fà...
Meno male che arriva l'autunno tra un po' accendiamo i riscaldamenti (e l'aria condizionata s'intende...)

dioniso ha detto...

It's been a bad day.
Please don't take a picture.
It's been a bad day.
Pleeeeease.

Riscaldamenti + aria condizionata?!

dioniso ha detto...

Oggi il mio amico Andrew mi ha invitato ad andare con lui ad una delle "Autumn Hikes/Walks" organizzate nel campus aziendale.

Dopo qualche chilometro di piacevole camminata nel bosco in cui io ed Andrew camminavamo di solito affiancati, il mio amico ha calpestato un ramo che si è sollevato ed è andato ad infilarsi proprio tra i miei piedi.
Non sono riuscito ad evitare la caduta. Non ha causato nulla di grave. Solo un taglietto sul palmo della mano sinistra e due leggerissime sbucciature alle ginocchia.
Visto che la cosa è avvenuta nel bosco (dove tra l'altro abbiamo avvistato pure un serpentello) ho pensato che fosse comunque meglio farmi disinfettare nell'infermeria aziendale.
Sono rimasto sorpreso che al posto dei moderni disinfettanti indolore usano ancora il vecchio alcool.
La differenza non è trascurabile. Quando la signora mi ha passato infatti i salviettini imbevuti sul ginocchio mi è comparsa la madonna del divino amore.
Quando le visione mistiche erano scomparse mi ha spalmato della pomata antibiotica. Questa era indolore.
Ma come! Nella patria dell'edonismo e del consumismo si usa ancora l'alcool per disinfettare!!?? :-)

ziomassimo ha detto...

Non ero a conoscenza di questa passione di dioniso per i REM. Piacciono anche a me.
Io invece sono reduce da un bellissimo concerto dei Cure, che sabato sera hanno suonato gratuitamente a S.Giovanni in Roma per il (ahimè) CocaCola Live di MTV. Tramite amicizie ho avuto la fortuna di assistervi in modo privilegiato: ero in possesso di un pass che permetteva il libero accesso al sottopalco e al backstage.

Certo che 'stamericani ce cascano sur disinfettante! In bocca al lupo per le tue sbucciature.

dioniso ha detto...

ziomassimo, in realtà si tratta di un gioco tra me e l'anonima/micheluccia.
L'appassionata dei REM è lei.
Io preferisco REMo REMotti e la sua mamma roma (addio) ;-)

ziomassimo ha detto...

sia REM che REMotti (ho il cd di "MammaRoma addio" da tempo immemorabile).

gianlu ha detto...

Ciao,
guarda ci ho dovuto scrivere un post...
Ma in che razza di azienda stai???
;-)))

ubik ha detto...

Mitico Remotti.
dioniso hai visto che le visioni mistiche esistono? :-)
Per ziomassimo: mia nipotina di 12 anni si è fatta accompagnare dal papà per vedersi i Cure!!! Crescerà bene?

Ma avete sentito l'ultimo dei Metallica: bello!

ziomassimo ha detto...

ubik, anche per me la "scusa" per andare ai concerti è quella di accompagnare mio figlio (dodicenne anche lui), ma mi sa che è lui che accompagna me...
Tranquillo, la tua nipotina crescerà più che bene. I Cure sono ancora grandi.
Mi riservo di ascoltare l'ultimo dei Metallica e anche l'ultimo dei mitici AC/DC.
A proposito degli AC/DC, colloquio tra me e mio figlio
cico:"Papà, ma chi sono questi AC/DC?"
io:"è un gruppo mitico, io avevo i loro primi dischi in vinile"
cico:"ah, ho capito. Sono vecchi..."

Pluto ha detto...

un benvenuto negli states anche da parte mia

dioniso ha detto...

Ciao Pluto,

grazie per il benvenuto. Proprio oggi sono tornato nella patria adottiva.
Torna a trovarmi.

Saluti