mercoledì, gennaio 06, 2010

Il Regalo di Zucchero

Queste vacanze di fine anno non le classificherei di certo tra le migliori della mia vita. Di conseguenza neppure il mio umore si è espresso al meglio. Sicuramente a migliorarlo ha contribuito il regalo di Zucchero che mi è arrivato il 29 dicembre. Il regalo era per una ricorrenza di più di 4 mesi fa. Nella nostra consuetudine di coppia i regali si fanno se e quando si trova la giusta ispirazione.

Per usufruire del regalo abbiamo dovuto occupare l'enorme salone della casa di Sugarbrother.
Poco dopo le 4 Eduardo e Oriana scendono dalla macchina: lui, fisico asciutto, capelli lunghi legati e lunga barba rossa e ispida curata con un pizzico trasandatezza, viene dalla provincia di Isernia; lei, capelli lunghi, gonna lunga tra il fricchettone ed il tradizionale, viene da Atina.
Mentre Oriana ci espone una breve introduzione storico-etnologica, nella quale ci spiega l'origine e la tripartizione del ballo in pizzica tarantata o taranta, pizzica pizzica e pizzica-scherma o danza delle spade, Eduardo è impegnato nella messa a punto degli strumenti di riproduzione acustica. Si parte quindi con la lezione.

Io ho appreso a suonare il trombone quando avevo 12 anni e ormai dopo quasi tre decenni di pratica musicale percepisco e seguo immediatamente quasi ogni ritmo, coinvolgendo sia elementi razionali che istintivi. Nonostante ciò mi sono sempre trovato molto in imbarazzo nel momento in cui la mia percezione ritmica provava ad esprimersi attraverso i movimenti del mio corpo piuttosto che attraverso il mio strumento o la mia voce. Per dirla con parole più semplici, sono da sempre consapevole - e questa consapevolezza ha sempre funzionato da freno inibitore - di essere negato per il ballo. Mi accingo quindi a cominciare la lezione con un certo imbarazzo.
L'imbarazzo aumenta dopo aver visto la grazia e la perizia del ballo di Eduardo e Oriana. Nonostante l'imbarazzo dobbiamo buttarci nella mischia (si fa per dire). Sono scettico. A Zucchero avevo preventivamente imposto il vincolo di assenza di pubblico. Ci sono solo Sugarsisterinlaw e Sugarnephew che ci guardano.
Cominciamo con il passo base: una semplice marcia in battere. Il mio imbarazzo non diminuisce. Ho l'impressione che i miei movimenti siano rigidi e legnosi.

Dopo qualche esercizio Oriana ed Eduardo si dividono i compiti: lei istruisce Zucchero e lui istruisce me.
Eduardo mi suggerisce di arricchire il battere del passo base con un saltello in levare dello stesso piede. Provo un paio di volte. Mi pare di riuscirci. Eduardo conferma. Raggiungo l'illuminazione. Avete presente la scena dei Blues Brothers in cui John Belushi viene raggiunto dall'illuminazione e comincia a ballare sulle note della canzone di James Brown? Ecco, mi sento un po' come John Belushi in quella scena. Non credo proprio che quelli che mi circondano mi percepiscano in quel modo. L'importante è che mi ci senta io. Oriana rivolta verso Eduardo commenta: ma che gli hai dato?

Dopo il passo base apprendiamo il passo zoppicato: tutto il peso sul sinistro che poggia in battere mentre il destro accompagna zoppicando sempre in battere. Questo è il passo utile per riposarsi. Mi risulta però meno coinvolgente e meno immediato.

È quindi la volta dell'invito che si tripartisce in semplice, doppio e completo.
Nel primo un piede fa il passo base mentre l'altro è sollevato e tocca in battere con la punta verso l'interno.
Nel secondo si aggiunge il movimento del piede sollevato che tocca con la punta alternativamente verso l'interno e verso l'esterno.
Nel terzo si aggiunge il movimento del piede sollevato che segue il ritmo: 1-2-1,2,3 (battere, battere, battere levare battere).

Dopo tutte le spiegazioni pratico-teoriche Oriana ed Eduardo ci fanno ballare in coppia osservando i nostri movimenti. Oriana ci indica le varie figure: cerchio grande, cerchio piccolo, faccia a faccia, scambio, rotazione, donna che gira ed uomo che le descrive un cerchio intorno.

Il bilancio finale è totalmente positivo. Per la prima volta ho l'impressione che il mio corpo sia entrato in sintonia con i movimenti di un ballo. Abbiamo ballato per due ore consecutive quasi senza pause. Il dispendio energetico è nettamente superiore a quello delle nostre corsette mattutine. Alla fine avevo la maglietta totalmente zuppa di sudore ma le endorfine danzavano insieme a me. Ho salutato Eduardo e Oriana dicendogli che non mi divertivo così da tempo.

Zucchero aveva organizzato questo regalo conoscendo bene sia la mia passione per (e desiderio represso di apprendere) la musica e i balli tradizionali del centro-sud Italia che il mio rapporto difficile con il ballo. L'esito non era scontato ma la scommessa di Zucchero si rivela vincente.
Spero proprio di riuscire a coltivare un po' quella che potrebbe trasformarsi in una nuova passione.

I ragazzi ci lasciano i loro contatti e altri riferimenti interessanti:

Eduardo Vessella

Haakbus

Oriana Iannetta

I nostri insegnanti che ballano insieme

Danza della Terra

zampogna.org

La Taranta - Ernesto De Martino (documentario) (seconda parte)

Il sibilo lungo della taranta di Paolo Pisanelli

TARANTA - Associazione Culturale Tradizioni Popolari di Firenze

P.S. (F.T.(fuori tema)) Stamane ho goduto di una nuova sorpresa: le calze della Befana di Zucchero. Lo scorso anno le ricevette lei. Quest'anno io.

13 commenti:

Annarita ha detto...

Io sono originaria del Salento leccese e il ritmo della taranta ce l'ho nel DNA! Capisco profondamente le sensazioni che hai provato.

Ciao e Buona Epifania.
annarita di Matem@ticaMente

fabio r. ha detto...

non sai quanto ti capisco bacchus: io amo la musica (suonicchio da decenni la chitarra da amateur..) ma ho la mobilita' tersicorea di un ornitorinco....
bravo!

ubik ha detto...

anche io da buon salentino appena metto un cd inizio a fremere fin dentro le vene. E' proprio il sangue che trema.
PS: mi vanto di avere una piccola collezione di cd sul tema: dalle popolari a quelle etnografiche a quelle secentesche a quelle dub/elettroniche.
Saltella cumpà che la tristezza passa via...

Sebastiano ha detto...

Ciao Rogge (e ciao Sugar!), buon anno!
Bellissimo regalo, e sono felice che tu abbia visto la luce!! A presto!

dioniso ha detto...

Ciao Annarita!

ah, sei salentina! La ballerai magistralmente quindi.

Ciao fabio r.

:-) Dovresti provare la pizzica pizzica pure tu. Se vuoi ti fornisco i contatti.

Ciao ubik

com'è andato il rientro?
Me ne devi duplicare qualcuno allora.
Per far passare la tristezza di questi giorni mi sevirebbero diverse ore al giorno, ma purtroppo: devo lavorà, bisogna lavorà, se deve lavorà!

Ciao Sebastiano
Buon anno anche a voi!

Yuki aka Prisma ha detto...

Ma che bello! Quanto mi piacerebbe tornare a ballare... Lo facevo da piccola... Ora per niente, se non in qualche sporadica serata rock...

Anche io sono a caccia di endorfine... mi sa che allora mi conviene muovermi! Nel senso letterale del termine... :)

fabio r. ha detto...

OFF TOPIC: dalla mia mailing list di germanisti mi hanno "linkato" questo blog: http://www.aussorgeumitalien.de
dacci un'occhiata anche tu e diffondilo eventualmente (se ti piace) tra amici "di area" da te, fammi sapere poi che ne pensi. mi sembra interessante.
p.s. la mia libreria da Anobii la devo ancora creare, appena ho mezza giornata libera mi butto, ho pure un'idea per un paio di critiche..
Ciao

dioniso ha detto...

Ciao Yuki,

vuoi darti alla pizzica anche tu?

Fabio, ho dato uno sguardo al blog. Sì pare interessante. Ma chi lo cura?

Fammi sapere quando la tua libreria sarà pronta.

Un saluto

Stregazelda ha detto...

in effetti questo tuo post mi era sfuggito! Complimenti per la precisione dei dettagli descrittivi (qui e sul post degli sviluppi) e complimenti a Zucchero per l'idea di questo regalo davvero molto originale! Questo dimostra che la danza può conquistare anche i più apparentemente refrattari ;-)

dioniso ha detto...

Grazie per i complementi. Sì, infatti. Non l'avrei proprio mai detto che a 40 anni.... Ma ne sono molto soddisfatto.

dioniso ha detto...

Frequenti anche tu queste aree coreografiche? O ti limiti alle danze ispaniche?

Stregazelda ha detto...

Queste aree coreografiche no, frequento le danze ispaniche e quelle orientali. Ultimamente anche una fusione delle due, il flamenco arabo.

dioniso ha detto...

Ambiti sicuramente molto più ricchi.
E non ti è mai venuta la curiosità nei confronti delle italiche danze?