giovedì, maggio 03, 2007

Vitalbe/vitacchiose

Le vitalbe, vitacchiose nel mio dialetto, sono da secoli parte della cultura contadina sabina. Si mangiano lesse o nella frittata. Non spaventatevi se leggete che contengono leggere tossine. Queste infatti scompaiono se le vitalbe vengono sbollentate. Da qualche anno Zucchero ed io abbiamo imparato una nuova ricetta: "Cornucopie di Vitalbe alla Menta". L'abbiamo trovata in rete e sperimentata, ci è piaciuta e l'abbiamo quindi adottata nel ricettario famigliare. Di solito è Zucchero a preparare la ricetta.
Purtroppo i germogli si trovano solo in questo periodo dell'anno. Non ho mai provato, ma penso che anche il congelamento risulterebbe un po' complicato. Il gusto delle "vitacchiose" è quindi strettamente correlato nella mia memoria alla stagione primaverile.
Fortunatamente, a differenza degli asparagi selvatici e dei deliziosi spinaroli, le vitalbe crescono spontaneamente anche in terra teutonica. Da anni quindi organizziamo delle spedizioni primaverili per la raccolta delle vitalbe. Essendo delle piante infestanti, è abbastanza facile trovarle avvinghiate a reti di staccionate. Sono però un po' selettive per quanto riguarda le compagnie. Non le troverete quindi in cespugli troppo folti. Spesso invece le troverete vicino ai rovi. State attenti a prendere solo le prime due foglie, perché il resto è legnoso.
Memorabile la spedizione semiciclistica del 2004 a Schwetzingen in compagnia di Zucchero, Sebastiano e Micheluccia: vitalbe e ortiche con annessa cena serale.
Domenica scorsa invece mi accompagnava solo il fedele Sebastiano ;-)
Ne abbiamo raccolte circa 300 g.

Ingredienti: (per 4 persone)
1 cipolla fresca, 2/300 g di germogli di vitalbe, 4 uova, farina, olio di oliva, aglio, aceto balsamico, menta, sale e pepe.

Preparazione:
Lavate le vitalbe, lessatele in acqua salata, quindi scolatele. Dopo averle infarinate, friggetele nell'olio caldo (senza superare i 180°), prendendone un mucchietto per volta. Sistematele in una terrina, aggiungete aglio tagliato a pezzetti, menta, un po' d'aceto e fate insaporire per qualche ora.
Tagliate a pezzetti sottilissimi la cipolla fresca, e fatela "sudare" in un pentolino con pochissimo olio. Sbattete le uova con un po' di sale e di pepe, e quindi unitevi la cipolla. Con questo composto preparate 6 sottile frittatine.
Su ognuna di esse ponete un cucchiaio delle vitalbe precedentemente preparate, quindi avvolgete la frittatina a forma di cono (cornucopia), facendo in modo che il ripieno fuoriesca un po' dalla parte aperta. Aggiungete qualche grano di pepe rosa al ripieno che fuoriesce. Spolverizzate quindi di menta fresca tritata sottilissima e gustatele.

3 commenti:

ubik ha detto...

Finalmente la ricetta agognata!!!

Sebastiano ha detto...

Devo dire che come raccoglitore di vitacchiose faccio un po' pena... Peccato non aver potuto assaggiare le cornucopie... sarà per la prossima primavera!

dioniso ha detto...

ubik, che fate la proverete? Ci riesci ora a riconoscere le vitalbe dopo la spiegazione?

sebastiano, mi dispiace.... avevo dimenticato di citare che a causa di una mia indigestione le vitalbe raccolte con te sono in realtà rimaste in frigorifero e dopo qualche giorno abbiamo dovuto buttarle. Quelle che abbiamo mangiato sono quindi effettivamente frutto di un'ulteriore spedizione. Però avevo ormai scritto il pezzo e non mi andava di correggerlo.