mercoledì, marzo 23, 2011

Figure retoriche: paronomasia


La paronomasia è quella figura retorica in cui si accostano due parole con sonorità simile e significato diverso. È detta anche bisticcio di parole e può essere usata per rendere perentoria l'associazione tra due concetti, per esaltare la musicalità di un verso o per scopi umoristici (gioco di parole).

Esempi di proverbi ed espressioni idiomatiche paronomasiache:
  • "Carta canta"
  • "Dalle stelle alle stalle"
  • "Stai con la lega, fai la bega ma poi nega"
  • "Chi non risica non rosica"
  • "Senza arte né parte"
  • "Volente o nolente"
  • "Chi dice donna dice danno"
  • "Il troppo stroppia"
Proviamo a fare una composizione di paronomasie.

Eri "senza arte né parte". Ma ora "stai con la lega".
E ti dicesti: "fai la bega ma poi nega". "Chi non risica non rosica", no!?
Ma ahimè "il troppo stroppia" e purtroppo "carta canta".
Me lo diceva Umberto: "chi dice donna dice danno".
E "volente o nolente" ti ritrovasti "dalle stelle alle stalle".

4 commenti:

juhan ha detto...

Sarà causale che c'è parecchie volte di mezzo la Lega?

dioniso ha detto...

Ciao Juhan, hanno la dote di stimolare la mia fantasia :-)

Moky ha detto...

Ti ispira proprio, neh?!? :D

dioniso ha detto...

Eh sì! Come farei se non ci fossero....