venerdì, marzo 25, 2011

Centrali nucleari e ragionamento induttivo

Bertrand Russell usò una celebre metafora per descrivere efficacemente il ragionamento induttivo.

Il tacchino aveva induttivamente concluso che ogni giorno alle nove un uomo gli avrebbe amorevolmente servito il pasto. Rimase estremamente sorpreso quando alla vigilia di Natale la sua conclusione induttiva venne barbaramente disattesa.

Come disse l'allevatore addentando una coscia: "Loggica vorrebbe..... Ma mi moje no!"

Ma allora, è meglio ragionare come il tacchino induttivista? Oppure esplorare anche il pensiero del maiale abduttivista?

7 commenti:

Annarita ha detto...

Purtroppo, in riferimento all'ambito del titolo, il ragionare sia come il tacchino induttivista che come il maiale abduttivista può portare ad errore...ergo non fa poi un gran differenza in termini concreti.

dioniso ha detto...

Ciao Annarita! Vero, vero. Dici che forse pure il maiale abduttivista alla fine...
Ed è magari preferibile la totale inconsapevolezza del tacchino induttivista al sospetto probabile del maiale abduttivista, visto che alla forse il destino sarà lo stesso...

paopasc ha detto...

Devo dire che non concordo pienamente. Il tacchino induttivista, ripieno, forse a causa di una mia disposizione innata, pur essendo ricco di elementi interessanti, per me cede alla pletora di possibilità fornite dal maiale abduttivista. Il maiale è molto più malleabile, plastico, in una parola: è molto più utilizzabile. col maiale abduttivista ce fai tutto, nun butti via gnente: a regà, annamo....ti dà molte più possibilità espressive.

Annarita ha detto...

Punti di vista, Pa. Non butterai pure "gnente" del maiale abduttivista,...ma nell'ambito del nucleare non ti cambia concretamente la probabilità di errore.

Personalmente, preferisco ragionare a modo mio;)

dioniso ha detto...

Paopasc, trovo la tua prospettiva molto illuminante. Ora capisco che so' le spazzole e i pettini abduttivi!
Ma quindi in ogni caso non avremo scampo?

Moky ha detto...

Dioniso, porcaccia la miseriaccia... sono gia' al terzo episodio di Blue's Clues stamattina http://www.nickjr.com/blues-clues/
e tu mi fai lavorare il cervello in overdrive...

Mi allontano dai discorsi carnivori per ovvi motivi, ma penso agli anni in cui abbiamo vissuto vicino ad una centrale nucleare (in NJ) e nessuno se ne fregava di avere un piano emergenza, un piano di fuga, anche se sulle pagine gialle locali era forse il primo "capitolo", ancora prima dei numeri del governo!!!
Qui ho scoperto da poco che abbiamo 2 centrali nucleari "fortunatamente" sono vicine a Phoenix, quindi discretamente distanti... ma pur sempre troppo vicine. Quando scopriremo quanto il nostro futuro assomigli a quello tristissimo del maiale e del tacchino, sara' (forse) troppo tardi! :(

dioniso ha detto...

Ciao Moky! Che cos'è Blue's Clues? ....ah! Torvato! Blue's Clues is an American children's television show airing on the Nickelodeon family of channels.
Interessante!

Mah, che vuoi che ti dica...

Per tornare al discorso di @paopasc, trovo in ogni caso strabiliante lo iato che occorre nella dicotomia tra la weltanschauung della suina abduzione e quella della avicola induzione. Dicotomia che in uno speculare isomorfismo si riflette nel comune idemsentire.